Teaser Cryo Treatment
at -110 °C
Choose a language

La crioterapia a corpo intero nella camera del freddo nei disturbi mentali

Sulla base dell'esperienza clinica diversa e ben fondata secondo cui la crioterapia a corpo intero comporta un miglioramento dell'umore e può livellare lo stato di eccitazione e aumentare il livello di attività, sono stati effettuati studi sulla potenziale azione di questa terapia come opzione di trattamento complementare per i disturbi depressivi, affettivi e dell'ansia (58, 63 , 64, 65).

In presenza di sintomi depressivi, il miglioramento dei disturbi del sonno era più evidente. La percentuale di miglioramento nell'addormentarsi era del 91%, nelle interruzioni del sonno del 98% e del 100% per quanto riguarda il risveglio precoce. I sintomi di "pensiero lento, mancanza di attività, irrequietezza e disturbi somatici generali" sono stati positivamente modificati all'80% rispetto alla condizione precedente alla crioterapia a corpo intero. La percentuale di miglioramento pari all'80% per quanto riguarda la depressione e le tendenze suicide era sufficientemente significativa (58, 65). Per quanto concerne il disturbo affettivo e depressivo si è potuto osservare altresì un forte miglioramento/una riduzione significativa dei sintomi (sintomi gastrointestinali e genito-urinari, sintomi digestivi e sessuali, ipocondria, peso corporeo, capacità critica). Stato generale, condizione fisica, attività domestica e professionale e soddisfazione della vita sono migliorati (64). In presenza di sintomatologia depressiva-ansiosa è stato possibile raggiungere una riduzione dei sintomi pari al 50% (63).

 

I risultati portano a concludere che la crioterapia a corpo intero possa essere considerata, nei disturbi citati, come un'opzione terapeutica sintomatica complementare.