Teaser Cryo Treatment
at -110 °C
Choose a language

La crioterapia a corpo intero nella camera del freddo nei disturbi del sonno primari e secondari legati al dolore

Le applicazioni di crioterapia a corpo intero possono migliorare il sonno direttamente – attraverso la regolazione del livello di attività centrale – e anche indirettamente, ad esempio eliminando il dolore.

Quando non sono presenti né cause organiche né psicologiche per un disturbo del sonno, si parla di insonnia primaria. Un disturbo del sonno, determinato invece da dolore cronico, è incluso tra le insonnie secondarie. È il risultato di un altro disturbo clinico. 

L'esperienza dimostra che purtroppo troppo spesso si pensa di soffrire di un disturbo del sonno. Non tutti i problemi al momento di addormentarsi o durante il sonno possono essere ricondotti affrettatamente a un disturbo di comportamento del sonno. Spesso il disturbo effettivo del sonno insorge quando si fa rapidamente ricorso a un sonnifero. Prima di questa assunzione è necessario conoscere i fatti: il comportamento del sonno è principalmente una conseguenza logica del comportamento da svegli. Pertanto, è anche possibile ottenere un miglioramento della condizione con l'ausilio di mezzi e metodi relativamente semplici (attività fisica, modifica del comportamento di risoluzione di problemi). Le terapie fisiche che agiscono secondo il "principio di adattamento stimolo-reazione" (consultare anche il capitolo 2) sono molto adatte per regolare il sonno alterato. Forniscono l'equilibrio mentale e aumentano il metabolismo muscolare. Inoltre sono utili come profilassi per prevenire un disturbo del sonno in via di sviluppo.

 

Una vera e propria insonnia, che deve essere resa accessibile a una terapia, è presente quando il sonno è costantemente disturbato da più di un mese, il disturbo si verifica almeno tre volte la settimana e il rendimento personale, associato alla sonnolenza diurna, è limitato.